"Coronavirus: filantropia a sistema" | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Società

“Coronavirus: filantropia a sistema”

SOLIDARIETÀ AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Un mare di solidarietà si sta muovendo per l’Italia. Aziende, fondazioni, calciatori, vip e cittadini comuni: ognuno di loro si sta mobilitando per donare fondi per contrastare l’emergenza coronavirus. Iniziative e atti di generosità spesso annunciati dai social e dai media tradizionali, ma che hanno bisogno di una messa a sistema.

Per questo motivo “Italia non profit” lancia il portale dedicato denominato “Coronavirus: filantropia a sistema” (https://italianonprofit.it/aiuti-coronavirus/). L’iniziativa è promossa insieme ai principali attori della filantropia istituzionale italiana e altri attori del Terzo Settore fra cui: Assifero, Csr Manager Network, Aoi, Banca Etica, Fondazioni di Comunità e altri ancora.

Obiettivo di questa iniziativa è permettere ai beneficiari (o potenziali beneficiari) di entrare in contatto con i diversi aiuti (e agevolazioni) messi in campo a loro favore e sollecitare nuove azioni.

“Italia non profit” ha mappato iniziative relative a donazioni in beni, servizi e risorse stanziate per grant e fondi, per un valore di 323.21 milioni di euro – ma il dato è in continuo aggiornamento. Ad oggi – 20 marzo – ci sono 195 iniziative di solidarietà per lo più rivolte a ospedali, Pubblica Amministrazione e Protezione civile, e circa 160 sostenitori, tra aziende e fondazioni.

“Pensiamo che questa bellissima ‘gara di solidarietà’ abbia bisogno di essere messa a sistema, per questo abbiamo lavorato fin da subito al fianco di Assifero, che abitualmente promuove le sinergie fra enti filantropici nazionali e internazionali”, sottolinea Giulia Frangione, CEO di Italia non profit.

“Mai come ora di fronte alla dolorosissima lezione che la pandemia ci sta insegnando – afferma Carola Carazzone, segretario generale di Assifero (Associazione italiana delle fondazioni ed enti filantropici) – c’è bisogno di fare sistema, di mettere in rete, di promuovere circolarità delle informazioni e possibilmente attivare sinapsi e innescare collaborazioni per proteggere i più vulnerabili. Considerare ogni vita, ogni essere umano come unico e degno di tutti diritti e le libertà fondamentali – a prescindere da ogni altra condizione (età, malattia, disabilità, status…): questi sono i valori inviolabili che protegge il nostro meraviglioso Paese”.

Condividi
Tags:

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori