LOADING

Type to search

Donne e cioccolato

Nina APS

Donne e cioccolato

di Carmen Forlenza

Il tema di questo mese è Donne e cioccolato. Cioccolato, donna. Cioccolato è donna. No, non è un errore. Per me il cioccolato è donna. 

Non perché secondo studi e ricerche curiose il cioccolato sarebbe consumato più da donne che da uomini, o perché il desiderio di cioccolato nelle donne sarebbe più alto, o, infinem perché il cervello femminile collegherebbe maggiormente sensazioni positive al cioccolato.

Forse perché ho sentito dell’antica leggenda della principessa azteca Xoco. La donna era a guardia del tesoro della città, mentre il marito era in guerra con l’imperatore. Sfortunatamente la città venne assalita dai nemici, che la torturarono per il tesoro, ma lei preferì morire piuttosto che tradire suo marito e la sua gente. Venne uccisa sulla riva di un fiume e il dio Quetzacolat, fece nascere dal suo sangue una pianta rigogliosa, i cui frutti nascondevano un tesoro di semi. Semi amari come le sofferenze subite dalla donna, forti come era stata lei di fronte alle torture e dal colore scuro come il sangue versato. Il nome della bevanda ricavata dalla pianta, sarebbe una fusione delle parole ‘Xoco’, e ‘Atl’, acqua per gli aztechi.

No, non si tratta di questo. Ora ricordo. La prima volta che ho visto una pianta di cacao, i suoi frutti rossastri – le cabosse- aprirsi e mostrare suoi semi, le fave di cacao immerse in una sottile polpa bianca… beh, quella prima volta mi accompagnava Leonor, un’agronoma dell’università che lavorava con i produttori nativi Bribri della regione indigena di Talamanca, Costa Rica, per produrre un cacao di alta qualità. È stata una donna che mi ha aperto il mondo del cacao. Ma soprattutto erano donne a raccontarmi della loro produzione artigianale, di come bastano pochi strumenti e tanta determinazione, lavoro, attenzione e passione per ottenere la pasta di cacao, da trasformare subito in una cioccolata calda. Cioccolata calda che mi offrirono, accompagnata dalle loro storie, le loro avventure da imprenditrici. Ricordo sorrisi, idee e passione.

Non credo sia stato un caso aver incontrato in quell’occasione tante donne. Siamo abituati a vedere donne e cioccolato insieme in tanti spot pubblicitari per evocare piacere e sensualità, ma quasi sempre restano nell’ombra le donne che il cacao lo coltivano e le donne che coltivano l’arte del cioccolato.

Eppure, sono tante, tantissime, le donne in Costa D’avorio, in Ghana, in Indonesia o in Ecuador che piantano e curano le piante giovani e si occupano della fermentazione ed essiccazione delle fave di cacao. Ma si tratta di attività non pagate e le donne sono di solito escluse dalla vendita, eppure a poco a poco, piano piano, alzano la voce e diffondono idee e sono sempre più coinvolte nelle decisioni sulla produzione di cacao, sia a livello familiare sia nelle associazioni di produttori.

E ci sono anche tante mastre cioccolataie, o “pastry chef” e “maitre chocolatier” donne in Europa, che passano ore a lavorare nei loro laboratori ma che difficilmente avranno l’attenzione dei colleghi uomini oggi “pasticcieri televisivi”, nuovi vip al centro di competizioni e sui giornali.

Vorrei gustare una tavoletta di cioccolato che mi parlasse di questo: di donne, di lavoro riconosciuto, di attenzione, di sforzo, passione e sorrisi.

Sono sicura che il cioccolato della cioccolateria sociale del progetto “NINA KAKAW” sarà così, e si potrà trovare nel suo sapore un sentore della passione di queste donne, partire in condizioni di vulnerabilità, per il cioccolato, che sappia di sfida e di empowerment, di progetti imprenditoriali, di nuove possibilità dopo tante difficoltà. Donne e cioccolato…. Sì secondo me il cioccolato è donna e per molte donne il cioccolato ha il sapore di futuro.



La foto fa parte del progetto del 2014 “Ladies of Cocoa” di Veronica Adriani.
La foto l’avevo trovata qui: http://no-miedo.blogspot.com/2014/05/ladies-of-cocoa-veronica-adriani.html .
Da questo sito: https://ladiesofcocoa.wixsite.com/ladies-of-cocoa i contatti dell’autrice: veroadriani@gmail.com e tel:+39 347 9357394
Condividi
Tags:

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori