Donne per un mondo migliore. Benedetta Paravia madrina a Venezia per il “Better World Fund” | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Società

Donne per un mondo migliore. Benedetta Paravia madrina a Venezia per il “Better World Fund”

Foto: la stilista Barbara Rizzi con Benedetta Paravia che veste l’abito a lei dedicato “Benedetta”

La filantropa, artista e produttrice italiana Benedetta Paravia, la Princess Bee del mondo arabo, è a Venezia nelle vesti di madrina del Gala’ “Better World Fund”, organizzazione no-profit con sede a Parigi fondata e presieduta da Manuel Collas de la Roche.

Il Better World Fund è stato istituito nel 2016 per mobilitare l’opinione pubblica e sensibilizzarla in modo efficace sulla protezione dell’ambiente attraverso l’intervento e la combinazione di realtà diverse come l’intrattenimento, la tecnologia, la cultura. L’organizzazione benefica è sostenuta da molte personalità internazionali tra le quali Sharon Stone, il Principe Alberto di Monaco, le star Americane Akon e Mary J. Blige.

Benedetta è a Venezia per partecipare ai tre i giorni della kermesse del Better World Fund che vede i suoi eventi esclusivi il 7, 8 e 9 Settembre tra la Scuola Grande della Misericordia e l’hotel Cipriani dove vestirà abiti della nuova collezione autunno che la giovane stilista Barbara Rizzi ha voluto dedicare proprio alla sua musa, chiamando uno degli abiti appunto “Benedetta”. L’evento vuole evidenziare l’importanza della coscienza e della meditazione, il valore delle preziose risorse della Terra e si concentra sulla necessità immediata di cambiare le pratiche agricole e alimentari per prendersi cura del pianeta e della salute globale. Il tema della conferenza è in accordo con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e unisce registi, scrittori, scienziati, ambientalisti, attivisti e leader aziendali per affrontare uniti le sfide dell’ambiente, della biodiversità e del clima.

Catherine Deneuve
nel 1969

Tra gli ospiti del Better World Fund, segnaliamo la presenza di Catherine Deneuve, che in questa edizione del Festival di Venezia ha ricevuto il Leone d’Oro alla carriera. Il ricavato dell’evento sarà devoluto alla David Lynch Foundation americana, che cura i traumi da stress post pandemia.

Per Paravia quest’anno Venezia è molto significativa perché proprio qui il prossimo Dicembre verrà ospitata la sua mostra d’arte di NFT contro le mutilazioni genitali femminili per il progetto “Women in love” che in ottobre sarà premiato dalle Nazioni Unite alla Camera dei Lord in Inghilterra.

Benedetta Paravia aka Princess Bee è tornata in Italia dagli Emirati Arabi Uniti, dove lavora creando un ponte tra Medio Oriente ed Europa attraverso la cultura, le canzoni, i libri, i programmi televisivi e cross mediali al femminile, le sfilate e la solidarietà. È l’italiana più famosa nel mondo arabo, icona della sua città d’adozione: Dubai.
Collabora con La Repubblica e RepTV. È laureata in legge alla Sapienza di Roma con una tesi in medicina legale e delle Assicurazioni. È esperta di marketing strategico e di management e sviluppo di progetti.
Ha prodotto una serie crossmediale dedicata alle donne nel mondo arabo. Con il progetto interculturale chiamato “The Intercultural Project” si è occupata per anni della promozione del territorio del centro e sud Italia attraverso visite formative di studenti universitari dagli Emirati Arabi ai nostri territori promuovendo l’inclusione e la comprensione reciproca tra le due culture.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori