I ragazzi al tempo del Coronavirus: il liceo Vermigli di Zurigo | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Italianità nel mondo

I ragazzi al tempo del Coronavirus: il liceo Vermigli di Zurigo

Pensieri e preoccupazioni di alcuni studenti del Liceo Vermigli a Zurigo

di Alessandro Sandrini, Preside del Liceo Vermigli di Zurigo.

Credo sia fuor di dubbio che quel che sta succedendo sarà qualcosa che i nostri figli racconteranno ai nostri nipoti. E questi forse nemmeno ci crederanno. La necessità di salvare l’anno scolastico, di dare un sentimento di continuità e, insomma, di continuare a vivere in una situazione che, solo un mese fa, sarebbe stata mero argomento di un’apocalittica science-fiction, ci costringe nostro malgrado ad aggrapparci alla tecnologia e, in certi casi, a fare appello a tutte le nostre competenze, spesso ancora non aggiornate. Ho chiesto ad alcuni miei studenti di inviarmi (via whatsapp naturalmente), le loro impressioni su quello che sta succedendo e su questo nuovo modo di ”stare a scuola”. Quel che emerge è la mancanza dello “stare insieme”, forse proprio quando, in tempi così incerti, tenersi per mano sarebbe più necessario e confortante. Ma tant’è. Ecco qui di seguito alcune di queste impressioni.

Disegno di Valentino Avdullahu

“Credo che nessuno di noi si aspettasse una catastrofe del genere da un giorno all’altro, eppure ci siamo ritrovati immersi in questa situazione a tratti favorevole, a tratti scomodissima. Dico favorevole perché nonostante il panico che si sta creando e l’enorme quantità di malati e deceduti, forse l’ambiente avrà un po’ di tempo per riprendersi. Ma parlando seriamente, a chi interessa dell’ambiente quando ci portiamo dietro una scia di cadaveri? Le nostre abitudini sono state tagliate fuori dalla nostra vita odierna. Ogni più piccola cosa non è più scontata come un mese fa: vedere un amico, frequentare una noiosissima lezione di scuola. Ci manca anche quello, anzi, soprattutto quello. Manca il contatto fisico, il guardarsi negli occhi e potersi confrontare. A malincuore devo dire che per fortuna che c’è la tecnologia, (anche se il mio sogno sarebbe stato quello di essere cresciuta negli anni 90). Le lezioni online sono alquanto complicate, a parere mio, ovvero a parere di una ragazza che oltre a distrarsi in fretta, ha poca organizzazione. Poca organizzazione perché non capendo nulla di tecnologia, ricevo giornalmente mail su mail che tendo a non aprire o evitare per non farmi prendere dall’ansia e doverle leggere tutte per poi scordarmi ogni singola parola. Ma questa sono io. I mei compagni di classroom invece sono abbastanza organizzati, o almeno due o tre di loro. Sì insomma, la situazione non è delle migliori ovviamente, ma ci stiamo provando, con grande impegno soprattutto degli insegnanti che devono sopportare alunni come me che aprono la videochiamata con gli occhi gonfi di sonno ed ancora in pigiama. Sono speranzosa che la questione si risolva il più presto possibile, così magari potremmo tornare a sederci ai banchi di scuola accanto al nostro compagno di fiducia.” (SP)

“Noi facciamo le lezioni, delle volte anche piene, come sono nell‘orario, ma in video lezione con Google Meet o Microsoft Skype. Io penso che queste lezioni facciano più fatica e per questo vengono a volte accorciate. Io non capisco perché c’è gente che incontra altra gente senza stare a distanza.” (CW)

“Le ultime tre settimane sono state tutt’altro che normali e siamo tutti bloccati in casa. Anche se all’inizio era tutto nuovo e diverso, come la didattica a distanza, in poco tempo ci si abitua.” (IG)

“Quest’esperienza ci ha dato un nuovo punto di vista, una prospettiva diversa che ci ha permesso di imparare ad apprezzare le cose che prima prendevamo per scontate come la scuola. Un cambio drastico sicuramente, ma al quale ci stiamo abituando e dal quale cerchiamo comunque di trarre il meglio.” (SS)

È un metodo di insegnamento complicato dato che siamo sempre stati abituati ad avere un rapporto vis à vis con i docenti. Inoltre siamo in un modo o nell’altro costretti a gestire tutto da soli e la concentrazione viene sempre meno mano a mano che le ore passano. Ammiro anche i professori che sono nella nostra stessa situazione e cercano di spronarci.” (ST)

“Quello che stiamo vivendo in queste settimane è un insegnamento su come affrontare situazioni inaspettate che riguardano tutto il mondo, ma anche un‘esperienza che ci accompagnerà tutta la vita. Abbiamo la fortuna grandissima di avere dei professori così bravi che hanno fatto in modo che il nostro materiale scolastico non venga a mancare.” (CC)

Questo Covid-19 sta rovinando l’esistenza delle persone, sta sgretolando le nostre vite giorno dopo giorno. A causa di esso, ormai non viviamo più nella normalità, tutto è cambiato. Scambiamo il giorno per la notte e la notte per il giorno. Assurdo!” (CL)

“Per me la situazione in cui stiamo vivendo adesso non è facile. Come dicono tanti altri, non stiamo vivendo più la vita come la conoscevamo. Non ci resta nient’altro che aspettare e pregare che tutto si risolva al più presto possibile.” (AS)

“La situazione che siamo chiamati a vivere ha veramente dell’incredibile. In alcuni momenti ha suscitato in me una grande frustrazione per il totale senso di impotenza. Il fatto di assistere quotidianamente a scenari di grave emergenza ed estenuante lotta contro il virus nella maggior parte di Paesi europei (e non solo) da un ambiente in cui le restrizioni non sono così rigide, rende il tutto ancora più surreale.” (VZ)

“La didattica a distanza ci ha permesso di fare comunità in un modo inconsueto, ma altrettanto valido. Pur mancandomi il rapporto umano, apprezzo questo nuovo modo di dialogare che ci fornisce la tecnologia. Ciononostante trovo un po’ più difficoltoso mantenere il ritmo della giornata come quando vado a scuola.” (MV )

“Dover essere limitati non è facile da accettare ai nostri tempi in cui ci sembra di poter raggiungere qualsiasi posto. Le video lezioni ci hanno permesso di capire che possiamo adattarci a qualsiasi situazione e soprattutto sostenerci a distanza.” (ES)

 

Condividi
Tags:

Potrebbero interessarti

1 Commento

  1. Adriano 14 Aprile 2020

    Un momento difficile per i nostri figli così come per tutti noi.
    Il Liceo Vermigli si è dimostrato pronto a raccogliere questa difficile sfida e attrezzarsi velocemente per assicurare la continuità delle lezioni a distanza.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori