Il problema della libertà di parola e della moderazione nell’era di Elon Musk

di Marco Nori, Ceo di Isolfin

Il dizionario Collins ha nominato “fake news” come parola dell’anno nel 2017, in linea con le dichiarazioni dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in particolare contro i media liberali che lo avevano criticato. Durante l’amministrazione Trump sono emerse altre definizioni, come “fatti alternativi”. Non era una novità assoluta: la parola dell’anno del dizionario Oxford nel 2016 era “Post-verità” che aveva aperto la strada alla rapida evoluzione di questo dibattito. Questo processo ha spinto l’agenda verso una maggiore regolamentazione dei social media, incorporando un approccio più rigoroso alla moderazione dei contenuti e un fact-checking più robusto.

A distanza di qualche anno, il dibattito è ancora in corso e ha preso slancio a causa della guerra in Ucraina e della pandemia COVID-19, con l’effervescenza di decine di fake news e teorie cospirative. Dopo la sospensione degli account dei social network di Trump su Facebook e Twitter a causa degli attacchi in Campidoglio del 6 gennaio 2020, l’ex presidente ha deciso di creare la sua società privata di social media – “Truth Social”.

Elon Musk

Due anni dopo l’allontanamento di Trump dai giganti sociali tradizionali, Elon Musk ha acquisito Twitter. Questo, come prevedibile, ha portato a cambiamenti drastici nelle politiche di uno dei giganti social più influenti. Ma la cosa che ci interessa di più è che, oltre alle riforme interne e alla ristrutturazione dell’azienda, come il dimezzamento del personale, Musk ha annunciato che ci saranno rapidi cambiamenti nell’approccio alla moderazione dei contenuti. Tra gli inserzionisti e gli utenti è emersa la preoccupazione di allentare troppo i vincoli di moderazione dei contenuti, mettendo così a rischio la sicurezza del marchio. Di conseguenza, a ottobre Musk ha annunciato la creazione di un “consiglio di moderazione dei contenuti” composto da “diversi punti di vista e un ampio spettro di voci”.

Le preoccupazioni per il ripristino dell’account vietato a Trump si sono rivelate tangibili. Nonostante la rassicurazione di un “consiglio di moderazione dei contenuti diversificato”, a metà novembre Musk ha continuato a rescindere i contratti del personale di Twitter. Sono stati gravemente colpiti i team di moderazione dei contenuti, che si occupavano di questioni come la disinformazione politica, l’incitamento all’odio e altri contenuti dannosi, come le teorie cospirative. Tuttavia, Musk ha insistito sul fatto che non avrebbe reintegrato il famoso teorico della cospirazione Alex Jones, che ha ripetutamente affermato che la sparatoria nella scuola di Sandy Hook era una bufala. Il nuovo proprietario di Twitter ha chiarito che non avrà “nessuna pietà” per chi “sfrutta la morte di bambini per guadagno, politica o fama”.

Musk ha fatto una mossa per certi versi sorprendente, sospendendo il profilo di Kanye West dopo un tweet antisemita. Lo stesso Musk ha confermato la sospensione del profilo di West per aver violato le regole di Twitter sull’incitamento alla violenza dopo che il musicista aveva twittato un’immagine alterata della Stella di Davide con una svastica all’interno.

Tuttavia, come dice il proverbio, una rondine non fa primavera. Utenti importanti come il musicista Elton John, la sceneggiatrice Shonda Rhimes e la modella Gigi Hadid hanno recentemente abbandonato Twitter, citando l’aumento della disinformazione, del razzismo e di altri contenuti odiosi su questo social network.

Sebbene queste azioni possano essere considerate come atti di opinione personale, forse c’è qualcosa di più. All’inizio di dicembre, il New York Times ha riportato un’impennata di insulti omofobi, passati da una media di 2.506 volte al giorno a 3.964 dopo l’acquisizione di Musk. I post antisemiti sono aumentati di oltre il 61% e gli insulti razzisti nei confronti dei neri americani sono triplicati, secondo quanto rilevato da gruppi di monitoraggio, tra cui il Center for Countering Digital Hate e la Anti-Defamation League. Questi risultati mostrano una tendenza all’aumento delle opinioni estremiste che circolano ora più che nell’era pre-Musk di Twitter.

Sebbene vi siano ragionevoli preoccupazioni che il divieto di Trump possa essere interpretato come un atto di censura, si tratta di una questione di scelta, guidata dalle linee guida e dalle politiche interne di un’azienda privata. Tuttavia, i giganti social, che hanno un impatto significativo sulla comunicazione e sul flusso di informazioni, non sono ancora regolamentati come i media privati tradizionali. Ad esempio, sia Meta che Twitter si affidano a fact-checker e moderatori di contenuti indipendenti e in outsourcing. Nei media tradizionali, invece, le cose sono diverse: controllano rigorosamente le informazioni e i fatti provenienti da più fonti. Il giornalismo credibile ha guardiani a tutti i livelli della struttura mediatica, dal giornalista ai redattori, ai produttori e al capo redattore. In questo modo, l’utilizzo di molte fonti affidabili e indipendenti fa sì che l’informazione sia autentica e responsabile per il pubblico e la società di riferimento.

Al contrario, i giganti dei social network devono fare molta strada prima di raggiungere lo stesso livello di integrità per quanto riguarda la post-verità, le fake news, l’hate speech e la responsabilità.

L’UE, ad esempio, ha tracciato delle linee chiare per Twitter dopo l’acquisizione da parte di Musk. Inizialmente, l’UE ha esortato Musk ad allineare Twitter al rispetto delle regole fondamentali dell’Unione contro la disinformazione e l’incitamento all’odio, secondo quanto riportato da Reuters, e successivamente ha inasprito gli avvertimenti dopo che Twitter ha sospeso gli account di alcuni giornalisti del New York Times, della CNN e del Washington Post. Questa mossa ha spinto l’UE a minacciare Twitter di sanzioni, poiché si ritiene che i giornalisti colpiti stessero criticando il miliardario. Molti hanno fatto notare che la sospensione di importanti giornalisti critici era una contraddizione dell’approccio “assolutista della libertà di parola” del proprietario di Twitter.

Si teme che l’approccio di Elon Musk alla moderazione dei contenuti abbia una piega personale; piuttosto che un “assolutismo della libertà di parola”, stiamo assistendo a una posizione più “relativista della libertà di parola”, basata su ciò che ci piace o non ci piace. A sua volta, la moderazione dei contenuti scelti a mano può portare a gravi conseguenze. Anche se siamo agli inizi e questo comportamento può cambiare in futuro, il problema dei contenuti dannosi, della libertà di parola/censura e della disinformazione si è nuovamente aggravato.

Remember Me