In vacanza, non dimenticate... la schiena! | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

EVIDENZA Salute Sport e tempo libero

In vacanza, non dimenticate… la schiena!

La voglia di ferie e di movimento ci porta inconsapevolmente a mettere a rischio la nostra schiena, per una improvvisa “voglia di sport” dopo mesi alla scrivania. E se la schiena fa male? Per evitare brutte sorprese, ecco i consigli degli esperti del Laboratorio di Attività Motoria Adattata (LAMA) dell’Università di Pavia. Validi per tutti e soprattutto per chi già soffre di lombalgia.

Durante l’anno, sedentarietà e posture scorrette hanno messo a dura prova il nostro organismo. Le vacanze estive ci regalano il meritato relax, ma non possiedono la bacchetta magica per far scomparire le conseguenze degli errori commessi durante le altre stagioni. Al contrario: in estate aumentano quelle “situazioni di rischio”, tipiche del periodo, che possono far insorgere disturbi e dolori alla nostra schiena, rovinandoci le ferie e, nel peggiore dei casi, richiedendo, al nostro ritorno a casa, accertamenti medici.

Cosa fare?

LA PREVENZIONE
Gli esperti dell’Università di Pavia ci consigliano COSA NON FARE per scongiurare l’insorgere di un fastidioso mal di schiena in vacanza:

– Non improvvisarsi sportivi: la classica “corsetta” per rimettersi in forma, la moda dei tornei di padel, calcetto o gli sport acquatici, che in estate ci conquistano per un pomeriggio spensierato con gli amici, possono rivelarsi insidiosi se affrontati senza un adeguato allenamento. È necessario fare attenzione alle calzature, agli scatti repentini e ai ritmi eccessivi. Un po’ di riscaldamento prima e dello stretching poi, saranno fondamentali per una corretta attività fisica e in caso di affanno è importante rallentare immediatamente il ritmo, respirare regolarmente e idratarsi sempre.

– Aria condizionata: attenzione ai colpi d’aria che magari ci colgono accaldati dopo un pomeriggio all’aperto e ci provocano un fastidioso malessere. Se si preferisce dormire con l’aria condizionata accesa, assicurarsi di mantenere la schiena coperta, basta il lenzuolo.

– Anche lunghi viaggi in aereo, in moto o in treno senza muoversi per sgranchirsi e fare un po’ di stretching sono un rischio per la schiena. Bastano pochi passi per alleviare le tensioni e riattivare la circolazione. Quando è necessario sollevare bagagli pesanti, ricordarsi di flettere le ginocchia e di contrarre leggermente gli addominali e i glutei.

– Calzature inadeguate: dai tacchi per la sera in discoteca, alle infradito per lunghe camminate, alle sneakers per escursioni su terreni sconnessi, le calzature inadatte rappresentano un pericolo non solo per le articolazioni, ma anche per via degli infortuni che possono causare.

– Letti poco performanti: la sdraio in spiaggia o il sacco a pelo in campeggio possono creare veri tormenti alla schiena. In albergo il cambio di cuscino e materasso può essere uno stress. Meglio dormire sul fianco ed evitare di rimanere a letto per lunghi periodi.

– In spiaggia: i bagni di sole sono sicuramente salubri, aiutano a fissare la vitamina D, utile per le ossa e stimolano il sistema immunitario. Le ore migliori sono le prime del mattino e quelle di fine giornata. Se siete rimasti esposti al sole a lungo, evitate di tuffarvi di colpo in acqua, lo shock termico potrebbe essere dannoso. Meglio non rimanere sdraiati per ore sui lettini e le sdraio, la passeggiata sulla battigia è un’ottima alternativa. Anche le attività in acqua richiedono una certa attenzione: nuotare a rana non è consigliato a chi soffre di lombalgia e in generale è meglio prediligere lo stile libero o dorso.

– In campeggio prevedere un leggero materassino per uniformare il fondo.

– Zaini pesanti durante le escursioni possono creare disturbo quindi è opportuna una scelta razionale del peso da trasportare.

SE IL MAL DI SCHIENA NON PASSA
Sono tante dunque le situazioni che possono portarci contratture o infiammazioni che ci rovineranno le vacanze e che potrebbero lasciare strascichi anche successivamente. Se il problema persiste poi, sarà necessario verificare le cause del nostro mal di schiena con una valutazione della morfologia della colonna vertebrale per intervenire in maniera efficace.

Oggi è possibile sottoporsi a tecniche diagnostiche del tutto innocue di ultima generazione, basate su una tecnologia innovativa in 3d, per una valutazione accurata della colonna vertebrale.

Strumenti innovativi come lo Spine3D risultano molto utili per gli esami di prima indagine o di follow-up perché meno invasivi di un esame radiologico tradizionale. Le immagini fornite consentono di visionare tutti i parametri necessari per fare un’attenta analisi della situazione posturale e fornire informazioni fondamentali per programmare i trattamenti più idonei.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori