La bontà della tradizione è salva: a Genova riapre la storica Pasticceria Svizzera

L’attività, che era stata chiusa a marzo dopo oltre un secolo dall’apertura, è stata rilevata dal Mastro Pasticcere Francesco Crocco detto Poldo

La storica Pasticceria Svizzera di Genova, nel quartiere di Albaro, sta per tornare a deliziare i palati degli abitanti del capoluogo ligure. L’attività, infatti, chiusa a marzo 2024, è stata rilevata da Pasticceria Poldo di Pontedecimo, di proprietà del Mastro Pasticcere Francesco Crocco, in arte, appunto, Poldo.

La riapertura sotto la nuova gestione è prevista per fine luglio, anche se il taglio del nastro ufficiale avverrà a settembre dopo che saranno stati ultimati alcuni lavori di ristrutturazione. Il marchio rimarrà quello consueto, affiancato dal brand di Pasticceria Poldo. Sarà rinnovato il comparto dei dipendenti, con nuovi ingressi rispetto al personale di Hi Food che, secondo ciò che si apprende dalla stampa locale, è già stato ricollocato.

La Pasticceria Svizzera, fondata nel 1910 dall’elvetico Vital Gaspero, situata in un elegante palazzo che, nei primi decenni dell’Ottocento, ospitò il poeta George Byron, era passata alla famiglia Bertelli negli anni Sessanta. Nel 2010 il negozio era riuscito a entrare nel prestigioso gruppo dei Locali storici d’Italia.

A marzo 2024 la Pasticceria Svizzera aveva abbassato la saracinesca dopo alcune vicissitudini: l’attività, infatti, era passata alla già citata azienda Hi Food ed è stata poi coinvolta nel fallimento di Qui!Group.

In base a quanto ha dichiarato Crocco-Poldo alla testata ‘Genova Today’, la nuova gestione, in cui è coinvolto anche il socio di Crocco, intende riproporre le ricette caratteristiche della Pasticceria Svizzera quali il panettone gastronomico, le quiche lorraine e le paste al gianduia. Il laboratorio è rinomato da decenni anche per i pasticcini alla frutta e i mignon dolci e salati.

Come ha raccontato il Mastro Pasticcere ligure, la professionista svizzera che ha guidato il punto vendita per quarant’anni sta dando preziosi consigli al nuovo proprietario sia per quanto riguarda le preparazioni dolciarie che per quel che concerne gusti ed esigenze dei clienti abituali dell’attività, diventata sempre di più, dal suo debutto ai nostri giorni, sinonimo di alta qualità e solida tradizione artigianale

LEGGI ANCHE: Dopo 114 anni chiude a Genova la Pasticceria Svizzera, che univa tradizione elvetica e italiana

Continuare
Abbonati per leggere tutto l'articolo
Ricordami