La linea del tempo secondo The Atheist | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Sport e tempo libero

La linea del tempo secondo The Atheist

Esce il nuovo album dell’artista savonese di musica dub, con sonorità autoriali e una chiara visione del viaggio musicale che vuole condividere.

Andrea Bottaro, musicista e produttore, nasce a Savona nel 1986 e inizia a studiare il basso elettrico sotto la guida del maestro Mauro Isetti, successivamente si trasferisce a Milano per studiare al CPM con Dino D’Autorio con il quale si diploma in basso elettrico nel 2008. Nel 2002 fonda insieme a Raphael Nkereuwem e Lucio Massimi, gli Eazy Skankers con i quali produce alcuni ep e due album “To the Foundation” registrato presso i Tuff Gong Studios a Kingston Jamaica, e “ Changes” prodotto in collaborazione con Madasky (Africa Unite). Ha suonato il basso in live e tour con Michael Rose, Ken Boothe, Marla Brown, Raphael, Andy Mittoo, Blackout Ja, Ras Zacharri, Earl 16, Tweneboa, Sistah Awa, Nico Royale, Attila.

Basterebbe questo biglietto da visita per introdurre uno dei musicisti più promettenti del nostro Bel Paese, ma oltre al curriculum c’è di più. Prodotto e promosso da Cockroach International Production, il progetto “ The Atheist” nasce dall’esigenza di unire la passione per la più innovativa delle forme musicali caraibiche e dub giamaicano, con le influenze che hanno caratterizzato il viaggio musicale a trecentosessanta gradi: dall’hip hop al jazz. Bottaro, l’ateo della musica, giovane leone con la criniera e con il suono del dub, senza nessuna limitazione all’evoluzione del suono e dei contenuti. Timeline non è il suo primo lavoro con questo nome. Urban Paranoia precede questo bellissimo disco, e inserito nell’evoluzione del percorso, è sicuramente un prodotto più sperimentale di questo. Con Timeline emergono le radici che scottano dal mare, si estende un’orizzonte da marinaio, da caravella che viaggia con il vento in poppa verso una esplorazione musicale in grado di trascendere generi, tempo e spazio.

Timeline nasce durante gli ultimi due anni, potremmo dire che inizia a nascere immediatamente dopo l’uscita di Urban Paranoia. Ci sono degli elementi tecnici fondamentali: la scelta di registrare il levare microfonando e suonando il pianoforte a muro, tutti i bassi sono stati suonati e registrati da Bottaro stesso, sono state utilizzate prevalentemente batterie suonate, pochi sample e pochi suoni derivanti dai drum-kit elettronici.

La differenza più sostanziale sono le voci, perché questa volta c’è il contributo di artisti e amici conosciuti in ben diciotto anni di militanza nella musica, in particolare nella musica reggae, che gli ha dato l’opportunità di conoscere e di suonare insieme a parecchi cantanti. Conoscere e condividere, ogni cantante è legato al progetto da una storia, da un legame antico o recente, dal suo ruolo su questa bellissima caravella.

Tempistiche non dettate dal momento storico, ovviamente, quelle dell’uscita del disco che celebra una data interessante per le sue stesse radici (di lunedì 20 aprile, ricordando così il celebre 4.20), ma che comunque arrivano con grande potenza in un momento in cui di viaggiare non se ne parla, e forse possiamo affidarci alle sapienti note di questo artista italiano, eclettico e impegnato.

Timeline è il secondo album di The Atheist, prodotto da Cockroach International.
All’album partecipano nomi come: Raphael, mr Puma, Michael Rose, Blackout Ja e Hailé Selassié.
Disegno in copertina di Militanza Grafica.

Si può acquistare qui.

Condividi
Tags:

Jacopo C. Buranelli

Laureato in filosofia presso La Statale di Milano con una tesi sul cinema di Ozu, da molti anni si dedica all’editoria e al mondo dell’arte contemporanea e dello spettacolo. Collabora con diverse test ... Vedi profilo completo

Articolo precedente
Articolo successivo

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori