Un evento gratuito sulla pace, aperto a tutti, indipendentemente dalla propria fede, origine e convinzione politica

Il 9 e il 10 dicembre a Massagno

Venerdì 9 dicembre prenderà avvio a Massagno presso il Cinema Lux, con il titolo “La pace in un mondo di guerra: temi, tesi, testimonianze”, la III edizione del Festival della Dottrina sociale nella Svizzera italiana.

Si tratta di un evento pubblico, gratuito e soprattutto aperto a tutti coloro a cui, indipendentemente dalla propria fede, origine e convinzione politica, interessa riflettere sull’importanza della pace nella società, tra gli Stati e all’interno dei nostri cuori e sulla responsabilità che ciò comporta per noi stessi, per il genere umano e per l’ambiente.

Dopo i saluti istituzionali, prenderà la parola  Piero Badaloni, giornalista, già Presidente della Regione Lazio e autore del film documentario “La Grande Sete” prodotto da Land Comunicazioni in collaborazione con l’organizzazione di volontariato “Ho avuto sete” che verrà proiettato in sala, a cui seguirà una tavola rotonda condotta e moderata dal Prof. Markus Krienke (Rete Laudato si) con:

  • Piero Badaloni, giornalista, regista, già Presidente della Regione Lazio
  • Prof. dr.h.c. Paolo Bernasconi, Membro onorario CICR
  • Monica Piffaretti, giornalista e scrittrice
  • Bianca Maria Martellini Bianchi, Co-Presidente della Federazione delle Associazioni Femminili Ticinesi Plus (FAFTPlus)
  • Andrea Ballestrazzi, co-fondatore HO AVUTO SETE- Organizzazione di Volontariato e co-produttrice del film

Sabato 10 dicembre in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani), si svolgeranno presso l’Aula Magna delle Scuole elementari di Massagno sette momenti d’incontro durante i quali le testimonianze di persone con differenti e variegati background concorreranno a dare voce all’anelito di pace e di speranza che accompagna, come un file rouge, la durata del Festival. Avremo così l’occasione, dopo il video-messaggio del Papa in occasione del Festival, di sentire le seguenti testimonianze:

  • La voce dei testimoni di guerra, con la giornalista Maria Acqua Simi e i rappresentanti delle Comunità afgana, eritrea e curda;
  • Le voci da un mondo di pace e di guerra, con il prof. Markus Krienke e diversi partecipanti, sia in presenza che in collegamento da diversi Continenti e con Alexander Widmer, della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC);
  • La voce degli Autori, con Andrea Bertagni che dialoga con il vignettista e grafico Lulo Tognola e le scrittrici Olimpia De Girolamo e Stella N’Djoku;
  • La voce del diritto internazionale, con Peter Schiesser che converserà con Dick Marty e la prof. Cecilia Sanna;
  • La voce degli imprenditori, con Vieri Parmantier, di UCIT, che animerà una interessante discussione sulle conseguenze della guerra sull’economia locale e di esportazione a cui parteciperanno Samuele Lombardini, Rosy Falcone Carlo Fontana;
  • La voce dei docenti e della scuola: È possibile educare alla pace e alla nonviolenza? Il Prof. Markus Krienke dialogherà con esperti di comunicazione non violenta, di didattica e con docenti della scuola pubblica e privata;
  • A conclusione dei diversi slot tematici, vi sarà la tavola rotonda finale e corale “Quale speranza per la pace in un mondo di guerra?” alla quale parteciperanno Dick Marty (già Magistrato), Olimpia De Girolamo (scrittrice), Daria Lepori (Azione Quaresimale) e Elena Bernasconi-Tabellini (formatrice certificata dal Centro Internazionale di Comunicazione Nonviolenta).

COME PARTECIPARE

Tutti gli eventi del Festival sono pubblici. Entrata libera.

Iscrizione obbligatoria tramite messaggio di posta elettronica all’indirizzo: rete.laudatosi@gmail.com oppure con il seguente formulario elettronico.

Per informazioni e richieste è possibile rivolgersi all’organizzazione del Festival ai seguenti recapiti:
Festival della Dottrina sociale nella Svizzera italiana – Rete Laudato si, c/o Circolo ACLI Lugano, Via Rinaldo Simen 10, 6900 Lugano.

Email: rete.laudatosi@gmail.com; Cellulari: 079 375 82 45 oppure 076 751 22 47

IL PROGRAMMA

Remember Me