La sesta edizione del MEM Summer Summit – gli appuntamenti

Si è aperta giovedì 17 agosto la sesta edizione del Middle East Mediterranean (MEM) Summer Summit.
L’acronimo MEM indica la regione estesa del Mediterraneo e del Medio Oriente (dal Marocco all’Iran).

L’evento, lanciato nel 2018 dall’Università della Svizzera italiana, si propone come una piattaforma di incontro e dialogo per sviluppare nuovi approcci, diverse narrazioni, e nuovi progetti che trascendano i confini fisici e culturali tra le comunità̀ di tutta la regione MEM e oltre.

Tutto ciò con il contributo attivo dei giovani partecipanti (young change-maker) che nel Summit trovano uno spazio sicuro per scambiare esperienze, collaborare e costruire una comprensione reciproca.

Inoltre, il Summit funge anche da piattaforma per testare iniziative e proposte a livello della società̀ civile prima che raggiungano livelli più formali e istituzionali.


Nei nove giorni del Seminario, che si concluderà venerdì 25 agosto, 40 young change-maker, selezionati tra 500 candidati e provenienti da più di 25 Paesi diversi, incontreranno esperti e parteciperanno a workshop.


Mercoledì 23 agosto è previsto un evento gratuito aperto al pubblico, alle ore 18.00 nell’Aula Magna del Campus Ovest Lugano: la proiezione del documentario Climbing Iran di Francesca Borghetti con protagonista la scalatrice iraniana Nasim Eshqi. La regista e la protagonista del documentario introdurranno la proiezione. (Per info clicca qui)

Sabato 26 agosto il MEM Summer Summit si concluderà con il Forum, aperto al pubblico, durante il quale figure istituzionali, esponenti politici, accademici e intellettuali dibatteranno sulle più urgenti questioni e sfide legate alla regione del Medio Oriente Mediterraneo, dall’attuale situazione geopolitica al cambiamento climatico.


Al seguente link sono elencati tutti i relatori e relatrici del Seminario


Al seguente link sono elencati tutti i relatori e relatrici del Forum:


Per iscrizioni al Forum cliccare qui


Anche per questa sesta edizione l’Università della Svizzera italiana (USI) gode dell’importante sostegno del Dipartimento federale degli affari esteri della Confederazione Svizzera (Divisione Medio Oriente e Africa del Nord), del Cantone Ticino, della Città di Lugano e della Media partnership con SRG SSR – RSI.

Continuare
Abbonati per leggere tutto l'articolo
Ricordami