Le proposte di GIMS 2020 | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Sport e tempo libero

Le proposte di GIMS 2020

Se l’edizione 2020 del Geneva International Motor Show (GIMS), cioè la nuova denominazione nell’era digitale del Salon International de l’automobile de Géneve, è stata cancellata a causa dell’attuale pandemia asiatica, le novità automobilistiche, che erano pronte da esporre al pubblico, arriveranno in ogni caso sulle nostre strade e soprattutto confermano che la democratica rivoluzione dei motori elettrici ormai è una realtà.

Cerchiamo quindi di sondare lo stato del mercato, richiamando alcune tra le più interessanti proposte della rassegna ginevrina. Al primo posto, troviamo due auto tra le più amate dagli automobilisti e probabilmente anche dalle automobiliste, dato che l’attuale testimonial di Fiat Chrysler Automobiles-FCA è nientemeno che l’italo-americano Leonardo Di Caprio (https://www.youtube.com/watch?v=Lq0_lgln71U). Di cosa stiamo parlando? Di Fiat Panda e Cinquecento, entrambe elettrificate in forma ibrida, con un motore termico a benzina 3 cilindri 999cc abbinato ad uno elettrico con batterie di litio da 3.6 Kw, che garantisce una velocità di 160km/h e autonomia di 200 km, più che sufficienti per gli spostamenti in città e non solo. Nei prossimi mesi sarà disponibile anche una Cinquecento tutta elettrica. Tutta nuova. Attesissima (https://www.youtube.com/watch?v=j9_upuvzDIY).

Rimaniamo in Italia nel gruppo FCA con la Ferrari Roma. Sotto la carrozzeria, 620 cavalli erogati da un motore centrale, che porta il conducente da zero a 200Km/h in soli nove secondi e poi alla velocità massima di 320 Kmh. Altra campionessa di vendite, altro nome famoso: Volkswagen, con l’ottava serie della sua intramontabile Golf, offerta al pubblico nella linea GT con motorizzazioni per tutti i gusti: benzina o diesel da 2000cc, ma anche ibrida, che vede un mille-quattro benzina gemellato ad un motore elettrico da 85KW ed un cambio automatico a sei marce, per consentire un’autonomia stimata di ben 60km in totale assenza di emissioni carboniche e una velocità di 130Km/h.

Doppia alimentazione elettrica-termica VW anche per il fuoristrada Touareg, mentre Caddy e Tiguan adeguano le loro linee allo stile della nuova Golf. Sempre restando in casa VW, oltre alla nuova Audi A3, segnaliamo la nuova Skoda Octavia RS iv, la sportiva della gamma proposta a benzina, ibrida, con carrozzeria berlina e wagon, oltre che la piccola SUV-fuoristrada Kamiq, con personalizzazioni sportive e motore a benzina da un litro.

Nella famiglia VW troviamo anche la quarta generazione della Seat Leon, modello che ha portato la casa spagnola a diventare campionessa di vendite negli ultimi quattro anni. Segni caratteristici: volumi di carico generosi e una gamma di motori dal diesel, al benzina, all’immancabile ibrido, arricchiti da tutti i più moderni sistemi di assistenza alla guida.

Altra presentazione per cui basta la parola: Toyota Yaris, proposta nella versione sportiva, con un millesei turbo, tre cilindri da 261 CV ed una velocità autolimitata a 230 kmh, che la meccanica distribuisce sulle quattro ruote motrici per una tenuta di strada senza pensieri. Sempre dalla galassia Toyota, sono in arrivo la fuoristrada Lexus UX300e, la sportiva LC 500 convertibile, la futuribile LF30, completamente elettrica ed a guida autonoma. Rimaniamo in Giappone e segnaliamo le nuove Type R, la versione sportiva della popolare berlina Honda Civic, e la sorella Jazz Crosstar, fuoristrada da città a propulsione ibrida.

Il prossimo nome ora ve lo anticipiamo con un indizio da addetti ai lavori: terra, mare, cielo. È il trio di simboli che, racchiusi in un cerchio, segnano i confini dell’universo Mercedes. Dal sogno alla realtà, troviamo le nuove versioni di modelli come Classe E; la biposto supersportiva AMG GT 73 4 Matic +; le CLA e GLA 250, elegantissime super-compatte derivate dalla Mercedes serie A; le AMG GLE 63 Coupé e AMG GLA 45 4MATIC+ fuoristrada supersportive dalla linea filante e dalla potenza infinita.

Restiamo in Germania e passiamo in casa Porsche, con la sua 911 Turbo e 718 Cayman GTS 4.0. Potenza allo stato puro, cavalli-motore senza limiti e velocità fortunatamente autolimitate perché, a destinazione, qualcuno ci deve pure aspettare.

Per chi vive solo due volte, magari dividendosi tra una tranquilla esistenza in ufficio ed emozionanti viaggi in autostrada, eccoci alla Aston Martin, da sempre la macchina di James Bond. Due le novità: la Vantage Roadster, una decapottabile 4000cc benzina da oltre 300 Kmh, e l’attesissima DBX by Q, primo fuoristrada della casa – perché se il mondo non basta prima o poi anche la super-spia per eccellenza mette su famiglia e ha bisogno di spazio. Segni distintivi per entrambe: belle e desiderabilissime.

Dal gruppo Hyundai-Kia sono in arrivo, rispettivamente, le nuove medie I20 e I30 e la nuova Sorento.

La BMW invece presenta il prototipo i4, fuoristrada accreditata di 200kmh e 600 km di autonomia in elettrico, e la quattroporte sportiva-coupé Serie 4.

In chiusura segnaliamo un’innovativa azienda con tecnologia italiana ma sede legale svizzera e per il cui debutto nella città del Lemano gli organizzatori del GIMS avevano riservato un apposito stand. Stiamo parlando della Quooder (www.quooder.com/it), produttrice di motoveicoli a due, tre ma anche quattro ruote, equipaggiati con tradizionale motore termico, oppure un innovativo propulsore elettrico. Come nella migliore business-story, quest’azienda è arrivata al momento giusto, con un prodotto di tendenza, ad un prezzo adeguato e puntando sui mercati più ricettivi. Risultato? Dal 2017 ad oggi, in soli tre anni, il fatturato è passato da 7 a 50 milioni, ed ora si marcia verso il traguardo di 100 milioni entro il 2022. Il segreto di questo successo? Aver puntato sulla mobilità compatta, sostenibile, ed una coerenza nell’offerta: il cliente prova il prodotto, lo compra o noleggia con una formula finanziaria adeguata alle sue possibilità economiche o necessità d’uso, e infine è libero di confermare la sua fedeltà al mezzo. Bastava pensarci. Qooder lo ha fatto. E sta vincendo la sua scommessa.

Condividi
Tags:

Andrea Grandi

Andrea Grandi è un giornalista specializzato nella evoluzione digitale delle attività economiche, d’impresa, e della industria automobilistica. ... Vedi profilo completo

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori