Mondo Cane | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Rubriche

Mondo Cane

FOTOGRAMMI DIMENTICATI

Registi: Gualtiero Jacopetti, Paolo Cavara, Franco Prosperi – Anno: 1962 – Durata: 108 min. – Paese di produzione: Italia

 

Sinossi: Documentario incentrato sulle bizzarre culture e tradizioni provenienti da tutto il mondo. Vengono mostrate cruente processioni  del Venerdì Santo in Calabria, stravaganti riti cannibali, buffi metodi di pittura, lasciando spazio a strazianti reportage sull’inquinamento dei mari e denunce sul maltrattamento di animali.

 

Perché vederlo: Trasgressivo, provocatorio, cinico. Un documentario che alla sua uscita all’inizio degli anni sessanta fece scalpore per i temi trattati e per i modi in cui venivano affrontati. La voce di Stefano Sibaldi commenta con una pungente ironia moltissime bizzarre tradizioni da tutto il mondo che spesso sfiorano il grottesco. Un sottile giudizio critico si insinua di continuo, senza però essere insistente, lasciando libero lo spettatore di formare una propria opinione.

La pellicola è inoltre capostipite e fondatrice del genere Mondo Movie, filone di documentari incentrati sull’esplorazione e la scoperta di stravaganti culture e di tradizioni eccentriche. Il film è un’indagine sulla natura umana, spesso votata alla brutalità e alla violenza. Viene evidenziato il divario tra nazioni moderne come l’America ormai caduta nel ridicolo con le sue ossessioni e le sue tradizioni degenerate che di poco si discostano da quelle tribali. La società occidentale è quindi spesso criticata come frivola e decadente, immersa com’è nella sua superficialità. Un intelligente cinismo pervade ogni singolo fotogramma, aiutato da un fenomenale montaggio che crea parallelismi tragicomici del tutto inaspettati. Si balza così da una parte all’altra del globo, ma anche da emozioni estremamente contrastanti tra loro. Si ride e si riflette, creando nell’animo dello spettatore un miscuglio agrodolce di emozioni. E se un film è in grado di toccare così tanti spettri delle emozioni umane, vuol dire che ha centrato pienamente il bersaglio.

Condividi
Tags:

Dario Furlani

Nato a Milano nel 2003, vive in Italia fino all’età di undici anni, quando si trasferisce in Svizzera. Attualmente frequenta il Liceo Vermigli a Zurigo. Grande amante del cinema e appassionato di oper ... Vedi profilo completo

Articolo precedente

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori