Oxygen. Respirare arte tra l’Italia e la Cina | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Cultura EVIDENZA

Oxygen. Respirare arte tra l’Italia e la Cina

Il 2022 è l’anno della cultura e del turismo tra il Belpaese e l’Impero del Dragone. Per celebrarlo, la Società Dante Alighieri ospiterà a Roma la presentazione del volume Oxygen (Hatria Edizioni, Atri 2022), dedicato all’omonima opera dello scultore Alfio Mongelli, allestita all’ingresso del Wuhan Planning & Design Institute di Wuhan (in Cina), polo di ricerca d’eccellenza per la creatività contemporanea. L’appuntamento è per mercoledì 12 ottobre alle ore 18.00 a Palazzo Firenze (Piazza di Firenze, 27), nella capitale italiana.

Il maestro Mongelli conferma con questa sua ultima creazione il proprio personale legame con il “paese di mezzo”, nato da oltre un decennio. Già nel 2007 ha esposto in terra cinese, all’Università di Tsinghua, Academy of Art and Design, nella seconda edizione della rassegna internazionale “Arte e Scienza”; nel 2008 è stato selezionato tra i venti artisti di livello mondiale in rappresentanza dell’arte italiana alle Olimpiadi di Pechino; nel 2010 ha partecipato all’Expo di Shangai alla “Sculpture for riverside landscaping belt and the site of world”.

Inaugurata nel novembre 2019, poco prima dell’inizio della pandemia, Oxygen è una grande composizione mobile in acciaio, una scultura “vivente” che interagisce con lo spazio circostante, l’architettura, l’assetto urbanistico e, soprattutto, la natura. L’opera riproduce la dinamica interna concettualmente situata al crocevia di una doppia eredità, quella orientale e quella occidentale, si impone al ritmo delle relazioni del mondo globalizzato ma in una condizione atemporale, espressione dell’armonia dell’uomo con l’ambiente e simbolo del desiderio di “tornare a respirare in forma libera, senza condizionamenti, senza esitazioni”.

Ha scritto il premio Nobel Rita Levi Montalcini: “il rigore fisico-matematico che caratterizza le opere di Alfio Mongelli è esaltato dalla libertà espressiva che rifiuta ogni schematismo scientifico. L’unità e la sintesi raggiunte nelle sue creazioni, siano queste grandi sculture realizzate in acciaio inox o espresse in una grafica di forme geometriche, mettono in evidenza l’eccezionale personalità dell’artista tra le più rappresentative dell’arte contemporanea”.

All’evento interverranno Alessandro Masi, Segretario generale della Società Dante Alighieri, e la curatrice Astrid Narguet. Sarà presente l’artista.

Per l’occasione verranno esposti alcuni bozzetti preparatori della scultura e presentato un video sulla figura e l’opera del maestro romano.

Diretta su www.dante.global

Tags:

Potrebbero interessarti