#Prenditicuradichiticura – Emergenza Coronavirus in Italia | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Società

#Prenditicuradichiticura – Emergenza Coronavirus in Italia

#Prenditicuradichiticura – Iniziativa della Fondazione che sostiene l’azienda Asst Sette Laghi

Coronavirus, Circolo della Bontà Apre una preziosa raccolta fondi

Raccolti in 3 giorni 55.000 Euro. Aiutaci anche tu.

——————————————————————————

“E’ il momento dalla mobilitazione delle cittadinanze , oltre che del  rispetto intransigente delle regole d’emergenza. La Fondazione Circolo della Bontà ha deciso di aprire una raccolta fondi a favore dell’azienda ospedaliera di Varese, titolare dei sette presidi del circondario. Lo fa con senso si appartenenza a questo territorio e in omaggio alla sua missione trasversale, oserei dire comunitaria, che si riassume nello slogan: “Prenditi cura di chi ti cura”, dice il presidente Gianni Spartà che guida un consiglio di amministrazione composto da noti imprenditori e professionisti delle varie branche.

“La Onlus è nata nel 2011 sulla spinta di un comitato di fondatori, tra i quali spiccano eredi delle famiglie che tra Otto e Novecento si distinsero per donazioni e lasciti a favore dei nostri ospedali e dei loro reparti. Abbiamo fatto questa scelta l’8 marzo, mediante consulto a distanza, pensando, nel giorno della Festa della donna., alle centinaia di infermiere, dottoresse, specialiste e specializzande che da quando è scoppiata la crisi hanno dimenticato orologio e famiglie, spesso con il rischio di infettarsi nell’assistenza a pazienti contagiati o positivi. Non è femminismo di facciata. In questi ore drammatiche, non tragiche, persone e aziende ci hanno contattato per chiederci che cosa potevano fare per aiutare la sanità pubblica in obiettive difficoltà a causa della farraginosità delle pratiche burocratiche e delle limitatezze di manovra. La nostra risposta è questa iniziativa che può essere sicuro punto di riferimento. Sono già attive le procedure per donare sui nostri siti e sui social. La comunicazione pro bono non fa danni, al contrario contribuisce a mandare subito a bersaglio messaggi utili”.

“Con la Direzione generale abbiamo concordato rimesse legate al rigido controllo della loro destinazione. Ci interessa il capitale umano: medici e paramedici cui dobbiamo gratitudine per la professionalità e l’abnegazione profuse in queste ore drammatiche. Ci interessa, ove possibile, migliorare il comparto della Terapia intensiva, insufficiente dai tempi in cui l’amato professor Bortoluzzi, padre nobile della Rianimazione a Varese, denunciò l’insufficienza di  letti. Ed eravamo negli anni ’80 quando nessuno poteva immaginare un’emergenza di questa portata”.

“I mezzi di finanziamento sono quelli indicate alla cittadinanza nei nostri siti: bonifici, pay pol, rimesse dirette. In meno di 48 ore abbiano superato quota 30.000 euro. Una donazione ci è arrivata da Gerusalemme, un paio dagli Stati Uniti. Abbiamo sperimentato la “bontà” della nostra missione: far capire che la sanità pubblica, ha di nuovo bisogno dei contributi liberali dei privati (testamenti solidali, lasciti), come ai tempi dei grandi benefattori del Novecento”

La Fondazione Circolo della Bontà si è fin qui preoccupata di migliorare la qualità del tempo trascorso dai pazienti e loro familiari nei nostri ospedali: Varese Circolo, Varese Del Ponte, Cittiglio, Luino, Angera e Tradate. Suoi i televisori e il wi-fi installati nelle degenze, suo il servizio “Un libro in camera” effettuato con le biblioteche interne, sue le carrozzine per i trasferimenti di pazienti anziani e fragili. Suoi, infine, un contributo iniziale al progetto Dama e il pianoforte che, nella hall dell’ospedale di Circolo di Varese utilizza la musica come sicura terapia dello spirito.”

“Tutto volontariato puro, in collaborazione con gli splendidi collaboratori di Avo”, aggiunge Gianni Spartà. “Ogni centesimo che entrerà nella raccolta fondi sarà tracciato e monitorato nel suo percorso. In questo ci mettiamo la faccia e offriamo garanzie assolute avendo precisi accordi con la Direzione generale di Asst Sette Laghi. Mancano non solo mascherine, anche aiuti per ottimizzare l’accoglienza di pazienti colpiti dall’infezione. Daremo conto periodicamente dell’utilizzo delle somme che entreranno nel portafoglio della Fondazione e da lì usciranno sotto rigido controllo”.

 

Potete donare:

aderendo alla raccolta pubblica sulla pagina Facebook della Fondazione https://www.facebook.com/donate/638070773673122/

con Carta di credito o Paypall sul sito http://circolodellabonta.it/wp/dona-ora/

o con un Bonifico Bancario intestato a Fondazione il Circolo della Bontà Onlus IBAN  IT68M0311110801000000004697

 

Condividi
Tags:

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori