Superbonus 110% anche per i residenti all’estero | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Economia EVIDENZA

Superbonus 110% anche per i residenti all’estero

di Sara Botti

Se ne parla da tempo in Italia e la sua introduzione ha creato fermento e curiosità nell’ambito dell’ammodernamento del patrimonio immobiliare italiano: stiamo parlando del Superbonus 110%, cioè della possibilità di apportare miglioramenti in campo di risparmio energetico e di adeguamento antisismico agli immobili, abitazioni indipendenti, condomini o luoghi produttivi che siano.

In termini semplici, il Superbonus 110 % è la possibilità di usufruire di una detrazione fiscale superiore alla spesa effettuata su edifici già esistenti e con riguardo ad interventi di adeguamento antisismico, isolamento termico, sostituzione di impianti per la climatizzazione invernale e, solo se effettuati in aggiunta ai precedenti, posa di pannelli fotovoltaici ed impianti per l’alimentazione di auto elettriche, così come di sistemi di efficientamento energetico in generale.

In termini pratici significa che a fronte di una spesa di € 10.000 sarà possibile recuperare la somma di € 11.000, a patto che vengano rispettati rigorosi margini di spesa e procedure di realizzazione delle opere.

L’elenco degli interventi concessi non è corposo, ma il risparmio è garantito, benché riguardi solo edifici da ammodernare e non anche le nuove costruzioni.

Già dalle prime fasi della sua introduzione, avvenuta tramite il Decreto Rilancio del 2020, si è dibattuto se il Superbonus 110% fosse usufruibile anche dai residenti all’estero e ora, dopo ben quattro interventi dell’Agenzia delle Entrate sul punto, di cui l’ultimo effettuato nel mese di dicembre 2020, non vi sono più dubbi al riguardo: anche gli italiani o stranieri residenti in un Paese diverso dall’Italia potranno usufruire dell’agevolazione, a patto che siano qualificabili come contribuenti ai fini del fisco italiano.

Gli italiani all’estero, qualificabili come contribuenti ai fini del fisco italiano, potranno godere del Superbonus 110 %, per edifici da ammodernare (e non anche le nuove costruzioni).

L’Agenzia delle Entrate, infatti, ha specificato che il Superbonus 110% riguarda tutti i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato che abbiano sostenuto direttamente le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati.

La qualifica di contribuente può trarre in inganno e lasciar pensare che riguardi solo chi lavora o produca un qualche reddito da lavoro in Italia, ma non è così.

Contribuente è anche chi possiede beni in Italia produttivi di reddito e tra questi vi sono anche, ad esempio, gli immobili di proprietà.

Va da sé che chi non è tenuto a pagare imposte in Italia, poiché ha un’imposta lorda già assorbita da altre detrazioni o non dovuta per altre ragioni, non potrà usufruire della detrazione del 110% chiedendo uno sconto sulle imposte che già non dovrà pagare, cioè nel metodo classico già in uso da tempo.

In caso di incapienza, cioè qualora non vi sia una posizione debitoria nei confronti del fisco italiano, è stato chiarito che il contribuente potrà chiedere uno sconto direttamente in fattura al fornitore o cedere il credito derivante dalle detrazioni ad un soggetto terzo, che a sua volta potrà cederlo ad altri.

In sostanza, previo accordo con il fornitore, si potrà ottenere una riduzione in fattura di importo massimo pari alla spesa da sostenere, che verrà successivamente recuperato da parte del fornitore sotto forma di credito di imposta.

In alternativa si può scegliere di cedere direttamente a terzi, come ad esempio banche, istituti finanziari o altri enti, il credito di imposta pari alla detrazione spettante.

L’ipotesi della cessione del credito ad istituti finanziari è particolarmente interessante, poiché vi sono enti che si sono resi disponibili a ricevere il credito fiscale in cambio della liquidità per effettuare i lavori.

Il sistema è estremamente complesso, per poter usufruire ottimamente del Superbonus 110% è bene affidarsi a tecnici informati sulla procedura, esperti di tassazione in grado indirizzare il contribuente e controllare che ogni singolo adempimento venga eseguito alla perfezione, così come gli obblighi di comunicazione previsti dalla norma.

Dal punto di vista temporale, il Superbonus 110% è stato prorogato grazie alla Legge Bilancio per il 2021 fino a giugno 2022 ed in alcuni casi particolari, che è bene verificare con riguardo al caso di ogni singolo contribuente interessato, addirittura fino al 31 dicembre 2022.

Tags:

Sara Botti

Avvocato italiano. Nata sul lago di Iseo, si è laureata a Milano e ha fondato nel 2012 il suo studio legale a Brescia. Vive a Zurigo, dove si occupa di consulenza legale per gli italiani all’estero. M ... Vedi profilo completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori