Testimonianze dall’Ucraina. Ivano Frankivs’k, città bombardata | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

EVIDENZA Politica Politica estera

Testimonianze dall’Ucraina. Ivano Frankivs’k, città bombardata

di Francesca Lippi

La foto che vedete ci arriva da Ivano Frankivs’k, città ucraina situata nella parte occidentale del Paese. Il palazzo di fronte a quell’enorme nuvola nera è il condominio nel quale Galyna R., che ci ha inviato la foto, ha il proprio appartamento. Lei adesso è in Italia, in Toscana, ma gli amici, i parenti, abitano lì, a 700 metri da quel fumo denso e nero. Sono vicini, vicinissimi al pericolo, anzi ci sono immersi. E hanno paura, perché sono dentro una guerra che non hanno voluto. Nessuno vuole la guerra. Neanche il popolo russo, che è sceso in piazza contro un presidente sanguinario e scellerato, che ha invaso un paese sovrano e chiesto un golpe ai militari ucraini per rovesciare il presidente Volodymyr Zelens’kyj liberamente eletto dal popolo ucraino.

Questa guerra durerà a lungo» e «dobbiamo prepararci»: lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron nel corso di una visita alla Fiera dell’agricoltura di Parigi. Prepararci, è vero, per resistere alle conseguenze economiche della crisi ucraina. Ci chiediamo: soltanto conseguenze economiche o andremo incontro a ben altro?

Una cosa è certa: il popolo ucraino che difende con i denti la propria libertà e il proprio paese non può rimanere da solo, come successe nel 1992 alla Bosnia. Chi deve essere isolato in modo netto è Putin che con la sua compagine di balordi, per smania di potere imperialistico, ha creato questa guerra. Tutto il resto è noia, canterebbe Franco Califano, perché la storia incredibilmente si ripete, con il potente di turno nel suo palazzo e i suoi soldati pronti ad uccidere i più deboli, a far piangere le madri, ad infrangere i sogni di intere generazioni. Oggi, più che mai, quanto disse Albert Einstein risulta profetico: “Io non so con quali armi sarà combattuta la Terza Guerra Mondiale – dichiarò infatti l’illustre scienziato – ma la Quarta Guerra Mondiale sarà combattuta con pietre e bastoni”. Niente di più drammaticamente vero.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori