Tommy Guerrero, un lungo viaggio su skate e con chitarra | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Sport e tempo libero

Tommy Guerrero, un lungo viaggio su skate e con chitarra

Unica data italiana per il leggendario musicista di San Francisco, icona di una generazione cresciuta con lo skate e il sogno americano
Foto: © Litostudio

L’atmosfera è rilassata in Santeria, a Milano la sera del 3 maggio per la performance live di Tommy Guerrero, accompagnato dalla sua band. Molti sono gli appassionati e le persone che sono con me mi chiedono con ironia: “ci saranno più skater o chitarristi?”. Le note polverose e al contempo limpide di Guerrero sono quelle che uniscono questi due mondi. La chitarra suona per entrambe le anime, così come lui stesso le incarna e le ha incarnate in vita. Classe 1966, Guerrero è stato membro della Bones Brigade, team di skater professionisti sotto il marchio Powell Peralta, brand che ha dominato la scena su tavola nel pieno degli anni Ottanta.

Come spesso accade in California, si ritrova anche al cinema con diverse apparizioni in film culto e renderà omaggio al proprio sport diventando produttore di tavole e forniture. Poi c’è la musica, che non ha mai mancato di farsi seducente. Tommy Guerrero ha suonato con i Free Beer e i Jet Black Crayon, per poi iniziare il suo lungo cammino da solo che dal 2003 a oggi ancora non smette di farsi strada. Accompagnato da musicisti esperti e sintonizzati sulla sua lunghezza d’onda, lo show è una colonna sonora che spazia dal soul al jazz, passando per quel ritmo lento, ma insistente unico della California, che parte dal basso con l’immensa anima del deserto, salendo per L.A. con un ritmo più urbano fino ad arrivare alle origini, alla storia intima e creativa di Guerrero, la San Francisco più frizzante, quella della musica a 360 gradi.
Come dice lui stesso: “A San Francisco quando facevo skate dovevo stare molto attento alle salite e discese, dovevo tenere d’occhio il traffico, gli ostacoli, i pedoni e soprattutto i tram e le rotaie. Non sempre andava bene… me la sono cavata, ma… ecco, San Francisco è tosta! Così come la musica, così come la vita”.

Abbiamo visto Tommy Guerrero live a Santeria in viale Toscana 31 a Milano martedì 3 maggio, promosso da Barley Arts. Il 5 maggio sarà in Svizzera, al Bogen F di Zurigo (www.bogenf.ch).

Tags:

Jacopo C. Buranelli

Laureato in filosofia presso La Statale di Milano con una tesi sul cinema di Ozu, da molti anni si dedica all’editoria e al mondo dell’arte contemporanea e dello spettacolo. Collabora con diverse test ... Vedi profilo completo

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori