XIX Settimana della lingua e cultura italiana nel mondo: Sogni di Spettri | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Cultura

XIX Settimana della lingua e cultura italiana nel mondo: Sogni di Spettri

In occasione della XIX Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, il Consolato d’Italia a Basilea è lieto di annunciare Sogni di Spettri, un progetto artistico di Gianmaria Nerli, Enrico Pulsoni e Stefano Sasso, che si terrà presso il giardino del Consolato d’Italia a Basilea martedì 29 ottobre 2019, alle ore 15:00.

Intrecciando pratica scultorea, scrittura e sound design in una operazione teatrale totalizzante, Sogni di Spettri centra l’attenzione sul viaggio inteso come movimento corporeo e come processo mentale, con l’intenzione di catturare lo spettatore all’interno di un percorso narrativo a tappe in cui la condizione d’ascolto è viatico felice per tessere una riflessione intima e privata sul quotidiano oblio delle cose e, di fatto, sull’esistenza stessa.

In questa installazione, come se fossero un miraggio, o come se incarnassero i più antichi e oscuri desideri da golem, le sculture realizzate da Enrico Pulsoni con carta, papier-mâché e fil di ferro prendono la parola: ogni scultura ha una voce – scritta da Gianmaria Nerli e sonorizzata da Stefano Sasso – e ogni voce è un personaggio che mette in scena la propria ossessione. Sono voci di pirati, oltre che di spettri, che si insinuano tra le viscere della sensibilità comune ed evocano mancate eredità del passato, ma anche sussurri e profezie che sfiorano il futuro opaco dei nostri tempi. Voci che, vagheggiando slanci ora verso il passato ora verso il futuro, chiedono: «chi siamo noi? siamo sogni di spettri o senza saperlo siamo diventati spettri senza sogni?»

Momento centrale dell’intero progetto è la mise-en-éspace del testo Tre Pirati di Gianmaria Nerli curata dalla regista Giulia Randazzo: una performance dal vivo che rende il pubblico protagonista di un fuoco incrociato di pensieri, incarnati dalle voci di Benedetta Degli Innocenti, Matteo Francomano e Francesco Laruffa. Grazie a un sistema di riverberi e rimandi sonori le parole prendono forma nello spazio, fuggono e si rincorrono creando un’atmosfera onirica in cui è meglio essere uno spettro senza sogni, che il sogno di uno spettro.

Condividi
Tags:

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori