Zurigo ricorda Lucio Dalla e le sue “dallate”

Incoerente, inimitabile, indimenticabile. Lucio Dalla era tutto questo e tanto altro.

Per ricordarlo l’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo con il sostegno dell’Archivio Luigi Ghirri ha realizzato un documentario, Dallarte, firmato dal cineasta e scrittore Jonny Costantino, che vuole raccontare un lato meno conosciuto del cantautore bolognese, ma che in realtà è una costante nella sua vita: la passione per l’arte visiva.

Attento collezionista oltre che gallerista a Bologna, il cantante ha instaurato legami stretti e duraturi con alcuni dei maggiori pittori e scultori, fotografi e illustratori italiani del proprio tempo, a partire da Luigi Ghirri. Al grande fotografo – scomparso nel 1992 – si devono i più celebri e iconici ritratti di Lucio Dalla.

Rivendico in continuazione la mia incoerenza. Dopo Caruso ho fatto Attenti al lupo, due canzoni completamente diverse. Però mi si riconosce sempre. È una dallata si dice. Ed è così per il mio amico Ghirri, che faceva delle ghirrate”, spiegava Dalla in un’intervista riportata nel documentario.
Che racconta il rapporto di amicizia e il legame artistico che ha unito questi due mostri sacri. Capaci entrambi di affrontare con leggerezza (ma mai superficialità) le cose più serie.

A fare da Virgilio nel documentario è la cantautrice bolognese Angela Baraldi che li conosceva bene. Con l’illustratore, pittore e regista Lorenzo Mattotti si ricorderanno poi le incursioni di Dalla nel mondo della tv e del cinema. Quanti sanno che il cantante è stato Sancio Panza nel film Quijote (2006) di Mimmo Paladino?

“Dallarte” verrà proiettato sabato 4 marzo 2023, ore 18.00-20.00, al cinema Arthouse Alba di Zurigo, alla presenza del regista Jonny Costantino e della cantante e attrice Angela Baraldi.
Ingresso libero, iscrizione obbligatoria
Mezzi pubblici: tram no. 3, 4 e 10 fino alla fermata di Central, a piedi 2 min.

Remember Me