Opinioni- Lettera al Corriere- Il voto degli italiani all'estero | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Politica Territorio

Opinioni- Lettera al Corriere- Il voto degli italiani all’estero

Vi dico perché il segreto del voto degli italiani emigrati all’estero non è garantito

Il voto per corrispondenza non garantisce il segreto del voto poiché i votanti non possono seguire tutte le fasi. I sistemi attualmente disponibili non riescono a proteggere la sfera privata del votante ed evitare che un “padre padrone” in famiglia, violi il segreto del voto.

Elezioni e votazioni possono essere manipolate
A essere particolarmente problematico il voto per corrispondenza sono i rischi per la sicurezza, quali compravendita di voti e altre manipolazioni. La possibilità di manipolare votazioni – da parte di criminali, speculatori senza scrupoli – rappresenta secondo me la fine della democrazia. La legge Tremaglia si applica solo alle elezioni parlamentari e ai referendum nazionali; non si applica, invece, alle elezioni del parlamento europeo, alle elezioni regionali e amministrative, né ai referendum regionali e comunali

Sono contrario al voto per corrispondenza da sempre, perché non dà sufficienti garanzie di sicurezza e poi perché facilita il voto di scambio. Io non INSINUO che il voto degli italiani all’estero non è segreto, libero e personale, lo AFFERMO” … (Franco Avantaggiato)

La Cattedrale nel deserto
Ma che ci vuole organizzare in loco dei seggi elettorali come per i Com.It. Es? Per fare un esempio per Zurigo Città, da anni la “casa d’Italia” è chiusa per ristrutturazione? Per mancanza di fondi? Per mancanza di volontà? Lacuna?
Recarsi al seggio per il voto era anche una cerimonia laica, quindi anche con valenze simboliche: si esercita un sacrosanto diritto di cittadinanza che non è poca cosa se si pensa alle lotte che i nostri antenati hanno dovuto combattere per conquistarlo. Sapete quale sarà la prossima mossa di chi ha a cuore il voto per corrispondenza? I partiti manderanno a casa un “Longa manus” a prestare la sua penna per porre la croce sul simbolo. Magari con promesse di denaro e spiegazione della problematica politica a cui il cittadino è cortesemente sollecitato a dire un suo prezioso si oppure no. Come sta facendo qualche rappresentante e candidato del Centro Destra sguinzagliato in giro per la Svizzera.

Franco Avantaggiato (Zurigo)

Tags:
Articolo precedente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori