Cioccolato: in Svizzera e in Spagna | Corriere dell'Italianità

Scrivi la parola o il termine da trovare

Rubriche

Cioccolato: in Svizzera e in Spagna

Oggi parleremo di cioccolato e subito penserete: cosa si può scoprire di uno dei prodotti più amati al mondo?

Innanzitutto avete pienamente ragione nel riconoscere la sua popolarità. Sapete, il volume complessivo del cioccolato svizzero venduto in giro per il mondo ammonta a circa 190000 tonnellate. E stiamo parlando solo di quello più famoso, ma pensate a quanto ne viene venduto e consumato nel mondo in generale. In termini di consumi la Svizzera è sul podio, con 10,5 kg annui pro-capite, seguito dalla Germania con 9,2 kg e dalla Lituania con 9 Kg. L’Italia si trova in decima posizione con un consumo medio di 3,5 kg annui. Il tutto permette di raggiungere un fatturato di circa 1900 milioni di franchi e questo ci fa comprendere l’importanza di questo delizioso prodotto, in Svizzera ma anche all’estero.

Ma quali sono le sue origini? Il cacao fu scoperto dalle popolazioni precolombiane insediatesi nel Centro America e ci sono moltissime leggende che circolano attorno alla sua nascita. Una delle più note è quella di una principessa Maya che fu lasciata a casa a costudire un tesoro molto importante dal marito, partito per la guerra. Andava tutto bene, finché non arrivarono dei guerrieri nemici per rubare il tesoro. La principessa decise di non svelare dove si trovasse, sacrificando la propria vita. Si dice che dalla morte di questa principessa nacque la pianta di cacao, con i semi nascosti nel guscio come un tesoro speciale, amari come le sue lacrime e rossastri come il suo sangue. Questa storia così affascinante e tragica fa comprendere quanto il cacao fosse prezioso, tanto che i suoi semi furono usati come moneta di scambio per molto tempo.

La pianta del cacao si chiama Theobroma Cacao, nome che deriva della parola greca Theo (Dio) e Broma (cibo): già dalla sua origine quindi è stato definito “cibo degli dei”, appellativo tutt’oggi utilizzato. Questa curiosa pianta può essere coltivata solamente nella zona tropicale, perché ha bisogno di condizioni molto particolari. Quando pensiamo al cioccolato non dobbiamo fermarci a pensare alla tavoletta, perché sono tantissimi i prodotti contenenti questo ingrediente: torte, biscotti, cioccolatini, bevande calde, dessert al cucchiaio e tantissime altre preparazioni golose.

Insomma, intorno al cacao sono tantissime le curiosità da scoprire e l’amore per il cioccolato può essere così intenso da farne un hotel dedicato. Infatti ha aperto a febbraio in Spagna l’Hotel “Casa Cacao”, gestito dalla famiglia Roca, la stessa che gestisce “El Cellar de Can Roca”, ristorante con 3 stelle Michelin a Girona. La Casa Cacao è un palazzo in cui, oltre all’albergo, c’è una fabbrica, una stanza per workshop e per degustazioni con anche un negozio. Nasce dal sogno del fratello minore della famiglia Roca, da sempre appassionato di dolci e soprattutto del delizioso preparato. Io non ho dubbi, la Casa Cacao si è subito posizionata nella mia lista di luoghi da vedere al più presto possibile.

Condividi
Tags:

Giulia Bernasconi

Nata a Medellin, Colombia e cresciuta a Lugano in Svizzera. Laureata con un Bachelor in “Hospitality & Tourism” Management a Glion ed un Master in Brands Management a Londra dopo aver lavorato in ... Vedi profilo completo

Articolo precedente

Potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.
* campi obbligatori