https://corriereitalianita.ch

Le donne non hanno mai smesso di lottare per i propri diritti. Una mostra immersiva fa rivivere le Samurai dell’antico Giappone

L’esposizione “Storie di donne samurai”, ispirata all’omonimo libro illustrato dal noto artista francese, Benjamin Lacombe, è a Milano fino al 26 novembre 2023

di Rosa Duccilli

Antico e contemporaneo si fondono alla perfezione nella mostra “Storie di Donne Samurai – Gate to the Hidden Sanctuary“, organizzata a Milano da TENOHA Milano e L’Ippocampo Edizioni. Perché, pur nelle ovvie differenze, come le donne dell’antico Giappone anche quelle di oggi – nel mondo intero- devono lottare per avere gli stessi diritti degli uomini.

Attraversando stanze sensoriali, un giardino zen e un tempio giapponese, tra animazioni video, esperienze uditive e la diffusione di essenze (sempre in una commistione tra passato e presente), è affascinante scoprire che nel Paese del Sol Levante il codice dei nobili samurai, associato quasi esclusivamente a figure maschili, apparteneva in realtà anche a valorose guerriere.

Donne volitive, condottiere implacabili, decise a esercitare il proprio potere per cambiare il loro destino, impegnate ad affrontare battaglie, frecce e demoni universali e personali: sono le onna-bugeisha, icone di speranza come la celebre Tomoe Gozen o le sorelle Miyagino e Shinobu, che nel XVII secolo impararono le arti marziali per vendicare l’uccisione del padre.

“Storie di donne samurai” è ispirata all’omonimo libro illustrato da Benjamin Lacombe e con testi di Sébastien Perez. Aperta fino al 26 novembre 2023, è ospitata da TENOHA Milano, in Via Vigevano 18.

Fino al 10 luglio è possibile visitare la mostra indossando un autentico kimono giapponese (acquistando un biglietto unico al prezzo promozionale di 30 euro).

Per info dettagliate cliccare QUI

Continuare
Abbonati per leggere tutto l'articolo
Ricordami